domenica 13 marzo 2022

CROSTATA CON PANNA COTTA AL PISTACCHIO

Ecco una torta bella da vedere e facile da realizzare. 

Diciamo che la mia non è proprio bella bella in quanto è nota la mia scarsa manualità e la mia poca pazienza nel rifinire i dettagli. Mi piace il bello e rimango estasiata di fronte alle meraviglie che vedo su alcuni blog, ma sapendo di non essere in grado mi convinco che in fondo il gusto è quello che conta e così il mio "ego" ne esce soddisfatto 😉!! Infatti sono molto contenta di questa torta che ho preparato in occasione del mio compleanno, è proprio buona buona buona!!



La ricetta l'ho trovata sul  blog di Valentina.

Le dosi sono per uno stampo di diametro 22/23 cm.


Ingredienti

per la base:

260 g. di biscotti digestive

90 g. di burro fuso

per la panna cotta al pistacchio:

60 g. di pasta pura 100% di pistacchio 

45 g. di zucchero semolato

200 ml di panna liquida fresca

100 ml di latte intero

4 g. di gelatina in fogli


fragole e pistacchi per decorare


Tritare i biscotti fino a farli diventare una farina. Aggiungere il burro fuso e freddo e amalgamare bene.

Rivestire con il composto uno stampo da crostata con fondo amovibile (sia sul fondo che sui bordi), premendo bene con un cucchiaio e mettere in freezer per circa 20 minuti.

Mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda.

Versare in un pentolino la panna, il latte, lo zucchero e la pasta di pistacchio. Mescolare bene e porre sul fuoco senza far bollire finchè lo zucchero e la pasta di pistacchio si sciolgono.

Togliere da fuoco e frullare con un mixer a immersione per rendere omogeneo il composto. Unire quindi la gelatina ben strizzata e mescolare fino a farla sciogliere completamente.

Lasciare intiepidire la panna cotta quindi versarla nel guscio di biscotti e trasferire in frigorifero per almeno 6/8 ore.

Al momento di servire decorare con fragole e pistacchi sminuzzati.







sabato 29 gennaio 2022

BRIOCHES ALLE NOCCIOLE E CARAMELLO AL MIELE

Nella mia cucina si sente di nuovo profumo di lievito e di pane appena sfornato! Finalmente riesco a dedicarmi un pochino alla mia passione a discapito della dieta ma con grande soddisfazione del palato.

Da tanto non panificavo al di là della pizza settimanale che non è mai mancata. Ora ho fatto scorta di farine in modo da sentirmi costretta ad utlizzarle, non vorremo mica lasciarle in dispensa troppo a lungo vero?  Mai obbligo fu più piacevole di questo!

Così ho iniziato con il mio pane di semola, per proseguire con queste brioches trovate sul libro "Soffice soffice" di Morena Roana.

Mi è piaciuta l'idea del caramello e delle nocciole posti sul fondo di una teglia in modo che poi si rivelassero al momento di capovolgere le brioches; leggete la ricette e capirete meglio!



BRIOCHES ALLE NOCCIOLE E CARAMELLO AL MIELE

350 g. di farina 00

5 g. di lievito di birra secco

180 ml di acqua

50 g. di zucchero

1 tuorlo

30 g. di burro morbido

un cucchiaino di sale

per il caramello e la decorazione

50 g. di nocciole tritate

40 g. di burro

70 g. di zucchero di canna

50 g. di miele di acacia


Sciogliere il lievito nell'acqua, aggiungere tanta farina quanto ne basta per ottenere un panetto morbido e lasciarlo lievitare finchè si gonfia (per me 90 minuti).

Mettere in planetaria , unire lo zucchero, metà della farina rimasta e il tuorlo e impastare con il gancio.

Man man unire tutta la farina  e il sale; il burro morbido per ultimo poco alla volta.

Impastare bene finchè il composto si stacca dalle pareti della ciotola poi coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio (circa 2 ore).

Foderare una teglia  (30x20 la mia) con la carta forno.

Preparare il caramello facendo sciogliere burro, zucchero e miele. Ho sempre paura con il caramello di arrivare al punto di non ritorno (cioè quando brucia!!!) quindi lo tolgo dal fuoco sempre troppo presto col risultato che rimane troppo chiaro e troppo "filoso"; in questo caso avrei potuto cuocerlo un pochino di più.

Versare il caramello nella teglia e cospargere con le nocciole tritate.



Prendere il composto lievitato, poggiarlo sulla spianatoia infarinata e stenderlo con le dita in un rettangolo di cm 40x30 all'incirca. Arrotolarlo e tagliarlo a fette di circa 4 cm (ne verranno 10).


Disporre i cilindri nella teglia sopra il caramello, con la parte tagliata verso l'alto. Coprire con pellicola e lasciare lievitare (è sufficiente mezz'ora).

Infornare a 180° per 25/30 minuti.

Sfornare, lasciare intiepidire e capovolgere su un piatto da portata.







Diciamo pure che l'aspetto non è gradevolissimo ma sono sparite nel giro di mezza giornata, quindi lascio a voi l'arduo giudizio!!

giovedì 27 gennaio 2022

PLUM CAKE CON FARINA DI FARRO E YOGURT

Mi piace utilizzare farine particolari nei  dolci per sperimentare la differenza di consistenze e sapori.

Quindi vado spesso a caccia di ricette "alternative" oppure sostituisco la farina a ricette collaudate per il gusto di "provare".

Devo ammettere che non sempre ho successo in queste sperimentazioni ......stavolta però questo plumcake mi è proprio piaciuto, la sua consistenza umida e compatta ha soddisfatto il mio palato e allietato le colazioni della famiglia.



PLUM CAKE CON FARINA DI FARRO E YOGURT

(per stampo cm 30x12)

250 g. di farina di farro

50 g. di farina di riso

3 uova

1 bicchiere di olio di semi

130 g. di zucchero semolato

vaniglia (o altro aroma a piacere)

250 g. di yogurt bianco intero

10 g. di lievito per dolci

un pizzico di sale

gocce di cioccolato 



Rompere le uova e metterle in planetaria iniziando a montare con la frusta. Aggiungere lo zucchero e far andare fino ad ottenere un composto chiaro e ben montato. Mettere anche il pizzico di sale e la vaniglia.

Unire lo yogurt e l'olio e infine le farine setacciate con il lievito, sempre continuando a mescolare. 

Versare le gocce di cioccolato e mescolare con una spatola per amalgamare bene.

Ungere con burro e spolverizzare con farina uno stampo da plum cake (30x12) e mettere in forno preriscaldato a 170° per circa 40/45 minuti (fare la prova stecchino per verificare la cottura).

Lasciar raffreddare prima di estrarre dallo stampo e cospargere con abbondante zucchero a velo.






domenica 11 aprile 2021

PANBRIOCHE AL CAFFE', LATTE DI COCCO E GOCCE DI CIOCCOLATO

Già sapete che adoro i lievitati. Dolce o salato che sia, se potessi, ne preparerei uno al giorno!

Vedere l'impasto che cresce mi dà una soddisfazione enorme, sentirne il profumo in ogni angolo della casa mentre cuoce in forno, tagliarlo mentre è ancora caldo (lo so....non si fa!!) e assaggiarlo per assaporarne la fragranza mi dà una sensazione di appagamento che non so descrivere. 

A volte basta poco per essere felici!

Oggi vi lascio la ricetta di questo panbrioche sofficissimo e molto goloso, ideale per la colazione.

La ricetta l'ho presa da qui ma ho apportato giusto un paio di modifiche, in base agli ingredienti che avevo in casa.

PANBRIOCHE AL CAFFE', LATTE DI COCCO E GOCCE DI CIOCCOLATO

400 g. di farina manitoba

30 g. di caffè in polvere 

5 g. di lievito di birra secco

80 g. di burro morbido

100 g. di zucchero semolato

1 uovo

200/250 ml di latte di cocco

100 g. di gocce di cioccolato fondente

Versare nella ciotola la farina, il caffè in polvere e lo zucchero. Avviare la planetaria, aggiungere il lievito secco e 200 ml di latte di cocco e lavorare l'impasto per qualche minuto. Se vi sembra asciutto unire ancora latte di cocco, poco alla volta.

Versare l'uovo leggermente sbattuto e continuare ad amalgare finchè il composto si stacca dalle pareti della ciotola.

Unire quindi il burro a pezzetti e continuare a lavorare fino a raggiungere un impasto dall'aspetto liscio, lucido e morbido.

Coprire con un panno e lasciar lievitare per 3/4 ore (l'impasto deve triplicare).

Toglierlo quindi dalla ciotola e porlo su una superficie infarinata; stendere in un rettangolo alto circa 1,5 cm, cospargere con le gocce di cioccolato e arrotolare dal lato lungo.

Tagliare il rotolo in pezzi larghi circa 10 cm e metterli in uno stampo da plum cake rivestito con carta forno bagnata e strizzata (il mio stampo è di cm 12x30 e ho dovuto pressare parecchio per farci stare tutti i pezzi!!). Coprire di nuovo e far lievitare (nel mio caso un'ora è stata sufficiente).

Pennellare la superficie con latte di cocco e mettere in forno già caldo a 170° per 35/40 minuti.

Lasciare raffreddare (cosa che io, ovviamente, non ho fatto!) prima di tagliare e gustare.








Se lo dovessi rifare ridurrei la quantità del caffè in polvere; si sentiva davvero molto e copriva il sapore del latte di cocco. Diminuirei anche la quantità del cioccolato, è davvero tanto, 50 g. sono sufficienti a mio gusto, ma c'è da dire che non amo moltissimo il cioccolato nei lievitati!

TORTA MORBIDISSIMA AL PISTACCHIO

Avevo in dispensa un pacchetto di farina di pistacchio acquistata da un po' e che conservavo in attesa di ispirazione....

Volevo cimentarmi in una crostata ma poi ho visto questa e mi è subito piaciuta.

Devo dire che sono rimasta stupida dalla morbidezza e dalla bontà di questa torta, così semplice e delicata; noi l'abbiamo finita in un lampo!



TORTA AL PISTACCHIO

Ingredienti per uno stampo diam. 22/24 cm

220 g. di farina 00

80 g. di farina di pistacchio

250 g. di zucchero

3 uova

130 ml di acqua

130 ml di olio di semi (o di riso)

qualche goccia di essenza vaniglia

1 bustina di lievito per dolci

zucchero a velo per decorare

Montare a lungo le uova con lo zucchero e la vaniglia nella planetaria oppure in una ciotola con le fruste elettriche. Aggiungere a filo l'olio e l'acqua continuando a mescolare. 

Setacciare la farina 00 con il lievito, unire la farina di pistacchi ed amalgamare agli altri ingredienti.

Imburrare e infarinare uno stampo del diametro di 22 cm, versare il composto e infornare in forno caldo a 180° per 40/45 minuti. Controllare la cottura con uno stuzzicadente (dovrà uscire asciutto).

Lasciare raffreddare, estrarre dallo stampo e spolverizzare con lo zucchero a velo.






sabato 20 marzo 2021

PANE IN CASSETTA

Stamattina mi è venuta questa strana voglia di panificare. 

Ogni tanto mi capita e oggi ho voluto soddisfare questo desiderio improvviso. 

Un pane all'olio semplice e veloce ma di un buono che non potete immaginare! Sarà perchè da tempo non mangiamo pane fatto in casa ma oggi ce lo siamo proprio goduto, così soffice e "mollicoso". Io l'avrei mangiato tutto ma non si può......quindi ci abbiamo pranzato e poi l'ho diviso in un paio di sacchetti e congelato, pronto per i pasti della settimana.



PANE IN CASSETTA

500 g. di farina di semola rimacinata

260 g. di acqua tiepida

80 g. di olio d'oliva

2 cucchiaini di miele

1 cucchiaino di zucchero

10 g. di sale

8 g. di lievito di birra secco

Versare un po' d'acqua in una tazza, aggiungere il lievito, il miele e lo zucchero e mescolare con una forchetta per sciogliere bene gli ingredienti.

Mettere la farina nella planetaria assieme all'acqua rimasta e all'olio e mescolare con il gancio a uncino unendo poco alla volta il liquido con il lievito.

Aggiungere il sale e continuare a impastare finchè il composto raggiunge una consistenza tale da non attaccarsi più alle pareti della ciotola.


Lasciare lievitare per circa un'ora e mezza, coperto da pellicola o da un canovaccio pulito.

Sgonfiare un po' l'impasto dividerlo in 8/10 pezzi, formare dei panini tondi e inserirli in uno stampo da plum cake ben oleato.

Coprire e lasciar lievitare ancora 30 minuti.

Infornare a 200° per 35/40 minuti. Togliere dal forno e lasciare che si raffreddi completamente prima di tagliare. 


Ecco ..in realtà noi l'abbiamo mangiato ancora un pochino caldo, proprio non ce la facciamo ad aspettare, ogni volta è sempre sempre la stessa storia :)))


mercoledì 9 dicembre 2020

BISCOTTI DI GRANO SARACENO

 Avevo voglia di biscotti fatti in casa per le mie colazioni. Ora, io lo so che non è proprio così, ma mi sembra che queste piccole delizie, essendo prive di glutine, siano più sane e leggere e quindi in perfetta sintonia con il mio essere sempre a dieta. Che comunque non è proprio una dieta ma uno stile di vita sano e consapevole. Ma essendo io di "bocca buona" e golosissima,  seguire questo tipo di alimentazione mi risulta assai difficile, devo veramente metterci un grande impegno ......ciò equivale per me a  D I E T A (tante parole confuse per esprimere un concetto che non so se avete capito....)

Ovviamento non mangerò quelli farciti ;-)

Ricetta presa da Simona

 



BISCOTTI DI GRANO SARACENO AROMATIZZATI ALL'ARANCIA

ingredienti per circa 40 biscotti

180 g. di farina di grano saraceno

100 g. di farina di riso

140 g. di burro 

120 g. di zucchero di canna

1 uovo intero

1 pizzico di sale

estratto di vaniglia

scorza grattugiata di 1 arancia

marmellata e nutella per farcire


Porre sulla spianatoia le farine con lo zucchero, il sale, la vaniglia e la scorza d'arancia.

Mettere al centro il burro freddo e tagliato a pezzetti e impastare con le mani cercando di ottenere un composto sabbioso. Aggiungere l'uovo e impastare ancora, formare una panetto, avvolgere nella pellicola e porre in frigorifero per almeno 30'.

Stendere col mattarello fino a raggiungere uno spessore di circa 5 mm (più sottile se volete farcire i biscotti), tagliare con lo stampo prescelto, appoggiarli sulla teglia da forno e mettere in frigorifero per 10'. Pennellare con poca acqua i biscotti e cospargere con zucchero di canna.

Infornare a 180° per 13' (11' se più sottili).

Porre a raffreddare su una gratella.

Una volta freddi io ne ho farciti alcuni con confettura di fichi e altri con nutella.